Scientist checking hemp flowers
Cbd express

Cbd express

Usi terapeutici nel mondo del CBD

Usi terapeutici nel mondo del CBD – La risposta

Il CBD, o cannabidiolo, è un cannabinoide presente in grande abbondanza all’interno della pianta Cannabis sativa, secondo in ordine di concentrazione solo al THC. Quando si parla di usi terapeutici nel mondo del CBD, non si può fare a meno di nominare le straordinarie proprietà officinali di questo composto: il metabolita, ormai da tempo oggetto di studi scientifici, è in grado di agire positivamente sui recettori del sistema nervoso umano, portando sollievo da dolore fisico, ma anche da stress e ansia.

È importante sottolineare che, a differenza del THC, il CBD non ha effetti psicoattivi sul corpo umano, non provoca stordimento o alterazione della percezione dello spazio e del tempo. Anzi: il CBD è in grado di modulare l’azione psicotropa del THC e prolungarne l’effetto positivo sul corpo. Ma vediamo più nel dettaglio quali sono gli usi terapeutici nel mondo del CBD.

CBD: gli effetti benefici sul corpo umano

Gli studi scientifici hanno portato alla luce le numerose proprietà di questo composto organico e stanno attualmente testando l’efficacia terapeutica di questo cannabinoide nella cura di vari disturbi e patologie anche gravi, come quelle neurodegenerative e di natura tumorale e cancerosa.

Quando si parla degli usi terapeutici nel mondo del CBD, troviamo perciò molti campi di applicazione: il cannabidiolo vanta proprietà ansiolitiche, antipsicotiche, antinfiammatorie, anticonvulsive, antispasmodiche, analgesiche, antiossidanti e antitumorali. Ecco alcuni dei possibili usi del CBD nella medicina:

  • Trattamento delle infiammazioni e dolori

Il CBD, grazie alle sue proprietà analgesiche e antinfiammatorie, è capace di alleviare i sintomi da infiammazione, che sia essa cronica o temporanea, donando sollievo ai pazienti. Infatti, questo composto è utilizzato in trattamenti sperimentali per la cura della fibromialgia. Le sue proprietà antinfiammatorie sono efficaci anche per la cura dell’acne, aiutando la diminuzione della produzione di sebo della pelle.

  • Trattamento di patologie neuropsichiatriche

Secondo gli studi del 2014, pubblicati sulla rivista “Epilepsia”, questo metabolita estratto dalla Cannabis sativa potrebbe rivelarsi un ottimo alleato anche nel trattamento di malattie neuropsichiatriche come l’epilessia, anche infantile, grazie alle sue proprietà neuro-protettive e anticonvulsivanti.

  • Trattamento di tabagismo e tossicodipendenza

Secondo gli studi pubblicati dalla rivista scientifica “Addictive Behaviors”, tra gli usi terapeutici nel mondo del CBD troviamo anche quello del trattamento di tabagismo e dipendenza da sostanze stupefacenti. L’esperimento, effettuato somministrando ai pazienti del CBD sotto forma di olio da inalare, ha portato alla luce risultati molto positivi: i soggetti fumavano meno sigarette e diminuiva in loro anche il desiderio di nicotina.

  • Trattamento di tumori

Molti studi scientifici, ancora in corso, evidenziano le proprietà antitumorali della Cannabis sativa, e in particolare dei cannabinoidi THC e CBD. Pare che questi due metaboliti possano rallentare la crescita delle cellule maligne e favorirne l’eliminazione da parte dell’organismo.

 

Infine, per quanto riguarda gli usi terapeutici nel mondo del CBD, è utile considerare che sono ancora in corso numerose ricerche scientifiche, che si focalizzano su alcune specifiche cure sperimentali per patologie di vario tipo. Si sta infatti testando l’efficacia del cannabidiolo persino per il trattamento di disturbi del sonno, per la regolazione dei livelli di glucosio nel sangue e per il miglioramento della circolazione nei pazienti affetti da diabete.

 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email