CBD
Cbd express

Cbd express

È Legale il CBD?

È legale il CBD? Scopriamo cosa dice la legge

In Italia, è legale il CBD? Da qualche mese, il nostro Paese è stato sconvolto da una ventata di novità relativa alla legalizzazione della cosiddetta “Cannabis Light”, ovvero una varietà di marijuana che presenta bassissime concentrazioni di THC, sostanza che presenta effetti psicotropi sul sistema cerebrale umano. Al contrario la Cannabis Legale è una varietà ibrida ricca di CBD o cannabidiolo, metabolita che offre numerosi vantaggi per la salute sia fisica che mentale.

Quindi, è legale il CBD in Italia? La risposta è sì! In questo articolo, vedremo più nel dettaglio cos’è il CBD e quali sono le normative che regolano il mercato della Cannabis Legale nel nostro paese.

CBD: di cosa si tratta?

Il CBD, acronimo di cannabidiolo, è un metabolita presente in grande abbondanza all’interno della pianta Cannabis sativa. A differenza del THC, il CDB non ha proprietà psicoattive, ovvero il suo consumo non comporta alterazioni a livello cerebrale né delle funzioni cognitive né della percezione della realtà. Questo cannabinoide, da tempo oggetto di numerosi studi scientifici, propone invece numerosi effetti positivi sulla salute del corpo e della mente: ha proprietà rilassanti e anti-stress ed è un ottimo rimedio naturale per il trattamento di patologie di diverso tipo.

Questa sostanza biologica può essere usata come cura naturale contro dolori e infiammazioni di natura cronica; come antispasmodico, molto efficace nella lotta contro gli spasmi muscolari; come antiemetico, grazie ai suoi effetti curanti contro nausea e vomito; e come anticonvulsivante, utile nei pazienti affetti da crisi epilettiche.

Le ultime ricerche, inoltre, hanno portato alla luce risultati molto incoraggianti: pare che il CBD sia anche dotato di proprietà antitumorali. Gli ultimi esperimenti in campo scientifico e medico hanno infatti scoperto le capacità citotossiche del cannabidiolo, che consentono a questa sostanza di combattere le cellule tumorali maligne, inibendone la riproduzione e la migrazione all’interno dell’organismo.

Tra le proprietà officinali del CBD, troviamo persino i suoi effetti antiossidanti, di gran lunga maggiori a quelli offerti dalle vitamine C ed E. Questo metabolita è, infatti, in grado di combattere efficacemente la degenerazione cellulare, aiutando i tessuti organici sia interni che esterni a mantenersi giovani e in salute. Grazie a questa sorprendente caratteristica, il cannabidiolo può risultare un ottimo alleato nella cura di numerosissime patologie e disturbi degenerativi. A questo proposito, è utile sapere che molti studiosi stanno attualmente sperimentando alcune cure, a base di CBD, che possano rivelarsi idonee contro malattie neurodegenerative come il Morbo di Parkinson e l’Alzheimer.

È legale il CBD? La normativa in Italia

È legale il CBD? Sì, il cannabidiolo, non essendo una sostanza classificata come psicotropa, è perfettamente legale nel nostro Paese. Il mercato relativo al commercio di questa sostanza generata dalla Cannabis sativa è regolato dal Decreto Legislativo 219/2006, normativa vigente in materia di commercio di medicinali.

La Cannabis Light è quindi riconosciuta come sostanza legale in Italia (Legge 242/2016, art. 4 co. 5), a patto che la concentrazione di THC al suo interno non superi il limite dello 0,6%, caratteristica resa possibile grazie alla creazione di speciali ibridazioni.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email