Che effetti ha l’olio di CBD?
Cbd express

Cbd express

Che effetti ha l’olio di CBD?

Che effetti ha l’olio di CBD?

L’olio di CBD, cannabinoide presente naturalmente all’interno della Cannabis sativa, sta velocemente crescendo in popolarità. Questo metabolita è infatti oggetto di numerosi studi scientifici che, ogni giorno, portano alla luce proprietà benefiche sempre nuove. Chiamato anche cannabidiolo, il CBD viene estratto dagli steli, dai fiori e dalle foglie della Canapa, e non apporta effetti psicotropi sul cervello, ovvero non provoca alcun effetto sulla percezione e suoi sensi di chi lo assume.

Venduto in diversi formati, primo su tutti sotto forma di olio, il CBD è diventato un alleato prezioso per la cura di numerosi disturbi e patologie, sia mentali che fisiche, ed è quasi totalmente privo di effetti collaterali. Ma vediamo più nel dettaglio che effetti ha l’olio di CBD e quali sono le sue modalità d’uso.

Gli effetti del cannabidiolo sulla salute

Il CBD è un composto organico che vanta numerose proprietà e il suo olio viene usato come trattamento supplementare nella cura di numerose malattie, dall’ansia ai disturbi del sonno, dalle infiammazioni croniche all’epilessia infantile.

Quando si parla di che effetti ha l’olio di CBD sulla salute, non si può fare a meno di nominare le sue proprietà ansiolitiche e sedative: legandosi ai recettori vanilloidi dell’adenosina presenti nel sistema nervoso, il CBD ha il potere di migliorare i cicli del sonno e aiutare il corpo a combattere l’insonnia. Viene usato anche come integratore nei trattamenti contro l’ansia e patologie psicologiche come il disturbo bipolare e la schizofrenia, proprio per le sue proprietà antipsicotiche, e favorisce il rilassamento totale di corpo e mente.

La sua assunzione è consigliata anche ai pazienti affetti da infiammazioni croniche: secondo quanto testimoniato da numerosi soggetti, le proprietà analgesiche e antinfiammatorie del CBD costituiscono un ottimo aiuto nell’attenuazione dei sintomi e del dolore. Il cannabidiolo ha inoltre dimostrato di avere effetti antiepilettici e per questo viene utilizzato in cure sperimentali contro l’epilessia, anche infantile. Grazie alle sue proprietà antiossidanti, il CBD è in grado di rallentare l’invecchiamento cellulare e rappresenta un valido alleato nel trattamento di malattie neurodegenerative.

Molti utilizzano l’olio di CBD persino come supplemento nelle diete dimagranti. Questo cannabinoide, infatti, portando il corpo a produrre serotonina, ha il potere di migliorare l’umore di chi lo assume e aiuta i soggetti a rispettare un regime alimentare salutare, riducendo gli attacchi di fame nervosa.

Gli effetti collaterali

L’olio di CBD è generalmente considerato come una sostanza sicura da assumere, che non altera in nessun modo i sensi, la percezione e le funzioni vitali dei soggetti. Tuttavia, può provocare alcuni effetti collaterali innocui. Tra questi, troviamo una diminuzione della produzione della saliva e secchezza della bocca, alterazione del metabolismo di farmaci e aumento della sonnolenza. Inoltre, la sua assunzione può comportare l’incremento dei tremolii nei soggetti affetti dal Morbo di Parkinson.

In ogni caso, prima di cominciare ad assumere a scopo terapeutico l’olio di CBD su base quotidiana, è consigliabile consultare il proprio medico. In questo modo si potranno evitare spiacevoli sorprese, riuscendo solamente a usufruire di tutti i benefici che questo rimedio naturale può offrire al corpo umano.

 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email