La canapa
Cbd express

Cbd express

Canapa: una risorsa molto importante

Chi pianta la marijuana ben conosce le proprietà benefiche della canapa e, sicuramente, ne ha compreso le straordinarie potenzialità.

Non a caso, ormai – dopo anni ed anni di lotte contro i pregiudizi e le proibizioni di cui chi pianta la marijuana è stato sempre protagonista, ad oggi finalmente alla canapa viene riconosciuto un ruolo fondamentale, non solo legato al divertimento, al relax, al benessere o semplicemente ricreativo ma, soprattutto, ne vengono esaltate le sue potenzialità terapeutiche riconosciute scientificamente.

Insomma chi pianta la marijuana – potremmo dire – al giorno d’oggi sa di avere per le mani qualcosa di straordinario.

Non più “canapa del divertimento” ma, al contrario, si tratta di un potentissimo rimedio naturale per la salute di chi la consuma che, con l’uso che ne fa, persegue l’obiettivo di contrastare una serie di disturbi quali dolori, ansia, stress, crisi di panico, epilessia, fibromialgia fino ad arrivare anche alla possibilità, fornita dalla canapa, di contrastare gli stati dolorosi causati da patologie come la sclerosi multipla.

Chi pianta la marijuana, secondo quanto detto fino a questo momento, quindi, non solo lo fa per intraprendere una strada di successo, ma ciò che è elemento prioritario è l’informazione che deve passare riguardo il fatto che, chi pianta la marijuana, si assume una responsabilità sociale anche a tutela della salute e del rispetto del diritto alla stessa.

Da ciò premesso, si comprende perfettamente quali siano i contorni che può assumere nella società la valorizzazione della canapa che, inspiegabilmente ed ingiustificatamente, negli anni passati ha dovuto subire un processo di demonizzazione, nonostante le sue note proprietà benefiche e gli effetti positivi che la sua somministrazione può determinare sull’organismo.

Da minaccia a preziosa risorsa”, dunque potremmo dire. Con l’evolversi dei tempi cambia anche la concezione che si è sviluppata intorno alla cannabis ed a chi pianta la marijuana.

Ma cosa ha di tanto eccezionale la canapa?” – potreste chiedervi giustamente. Oppure ancora “Ma stiamo parlando di qualcosa di legale o no?”. Certo gli interrogativi non finiscono qui e, proprio perché sono tanti e perché in merito alla canapa ancora c’è un po’ di disinformazione, vogliamo spiegare, ancor più nello specifico, quali siano le reali proprietà della pianta marijuana e perché è così tenuta in considerazione anche in ambito terapeutico.

Allora procediamo subito con l’analisi e la valutazione delle caratteristiche benefiche delle infiorescenze di cannabis.

Pianta marijuana: le straordinarie proprietà della canapa

Sicuramente tanti lo ignorano, altri non lo sanno proprio ed altri ancora stentano a crederci ma la canapa è una risorsa fondamentale per le sue caratteristiche.

Infatti, non solo per essere fumata, ma la cannabis è eccezionale anche se impiegata in cucina dove dà libero sfogo ai suoi poteri antiossidanti e fa fare il pieno di proteine e di vitamine.

Ma non solo, la canapa – e chi pianta la marijuana lo sa perfettamente – è sfruttata ed impiegata anche come tessuto e della cannabis, infatti, ne vengono utilizzate le fibre ma, all’occorrenza può anche essere utilizzata in sostituzione dei materiali plastici, strizzando anche l’occhio al rispetto ed alla tutela dell’ambiente.

Negli ultimi anni, la canapa ha conosciuto il successo per il suo impiego come medicinale naturale per le sue eccezionali proprietà benefiche.

In linea generale, comunemente la sostanza viene indicata con diverse parole quali “pianta marijuana, cannabis, infiorescenze, erba, maria, canapa, fumo”.

Se si usa uno di questi termini, chiaramente in riferimento è alla regina del benessere. Nel dettaglio però, in realtà, c’è una differenza sostanziale e non tutti i vocaboli sono rappresentativi di uno stesso significato, per come vedremo.

Un conto è parlare di canapa, impiegata ormai a pieno titolo nel settore industriale mondiale, un conto è parlare di “pianta marijuana” che – seppur particolarmente versatile – accanto all’aspetto propriamente terapeutico – é ancora utilizzata anche per lo “sballo”.

Al di là di come venga indicata, la canapa è da considerarsi leale alleata dell’uomo, della sua salute e dell’ambiente.

Ed allora, più nello specifico, ora vorremmo far conoscere aspetti che magari non sono così noti o sottolineati, che riguardano la canapa e che si riveleranno sicuramente interessanti per chi pianta la marijuana, per chi la consuma semplicemente per beneficiare delle sue eccezionali proprietà e per chi, ancora, la considera un’infallibile terapia.

  • Canapa: Cominciamo, concentrando la nostra attenzione sulla canapa, pianta antichissima caratterizzata da fusto sottile e di notevole altezza. Appare come una pianta legnosa, nota per le sue fibre e la sua resistenza e può prestarsi a diverse tipologie e metodiche di coltivazione. Da sempre considerata un infallibile rimedio naturale viene addirittura anche sostituita ai tradizionali medicinali perché considerata dalle straordinarie proprietà terapeutiche e responsabile della determinazione di benefici importanti per l’organismo.
  • Canapa vs. pianta marijuana: quando si parla di cannabis la parola chiave è “THC”, sigla del ben più impronunciabile Delta-9- tetraidrocannabinolo, ovvero la sostanza psicotropa responsabile dell’effetto “stupefacente”. La differenza sostanziale tra la pianta marijuana e la canapa risiede proprio nella percentuale di thc contenuta nelle rispettive infiorescenze.

È necessario infatti distinguere la canapa indica dalla canapa sativa: infatti, la prima è ricca di cannabinoidi ed ha un’importante contenuto di THC, al contrario della seconda nella quale, invece, si registrano contenuti ininfluenti della molecola THC, tanto da rendere la varietà sativa ottima per essere impiegata appunto nel settore industriale e commerciale.

  • Pianta Marijuana: anche se abbiamo l’abitudine di chiamarla “marijuana” (o anche con il suo diffuso diminutivo “Maria”)”, diciamo che potrebbe risultare sbagliato indicare con questo termine tutte le varietà di infiorescenze. Infatti, chi pianta la marijuana, in realtà mira a coltivare droghe leggere, ancora vietate in Italia perché trasgredirebbero i dettami della legge n.242 del 2016, secondo cui la concentrazione di THC deve essere massimo dello 0,2% con un margine di tolleranza fino allo 0,5%. Da ciò, quindi, appare chiaro che parlare di Maria non è la stessa cosa che parlare di canapa.

Canapa: straordinaria risorsa dai mille impieghi

La canapa ha una storia che risale ad oltre 5.000 anni fa e le sue potenzialità erano già ben note. Punto forte di una società anche per quanto riguardava il settore economico, la produzione della canapa si è bruscamente ridimensionata a seguito del pregiudizio che si è creato e diffuso intorno alla pianta, (marijuana o altra infiorescenza che sia).

Le luci della ribalta – dopo un periodo di totale divieto che non ha fatto altro che aggravare un immotivato allarmismo – hanno rilanciato la canapa ed il suo valore sottolineando la sua accezione totalmente positiva e scardinando quelle convinzioni sbagliate che hanno contribuito a veicolare un messaggio altrettanto sbagliato.

A ripristinare il concetto relativo alla reale vocazione della canapa ci ha pensato anche – come abbiamo già precisato – la Legge n.242 del 2016 ha stabilito anche che, purché il livello di thc risulti inferiore allo 0,2%, si può coltivare la pianta marijuana senza commettere alcun reato, ma in modo perfettamente legale.

La canapa può trasformarsi anche in olio utilizzato per cucinare, con il quale si possono ottenere numerosi benefici. Utilizzato anche anche come lenitivo, l’olio di canapa è un potente concentrato di bellezza della pelle.

Virtuosa per l’industria tessile, anche perché considerata ecosostenibile, questa varietà è ormai impiegata per la realizzazione di tessuti. Anche i semi ottenuti dalla pianta marijuana vengono impiegati per la realizzazione di prodotti proteici ed ipocalorici, mentre la cellulosa ottenuta è un ottimo sostituto della plastica.

Non solo, la canapa viene impiegata anche nel settore dell’agricoltura e, più dettagliatamente, viene utilizzata per il pacciame che serve per garantire la giusta umidità al suolo che ospita le coltivazioni ed evitare che nascono le cosiddette erbe infestanti che attaccano le colture con la proliferazione di batteri e parassiti.

Scegliere la pianta di marijuana: la soluzione è Cbd Express

La panoramica sulla canapa è servita per dare una spiegazione completa della sua utilità e versatilità. Ma, ad oggi, chi della pianta marijuana ne ripropone le infiorescenze migliori ed accuratamente selezionate, sono i diversi shop online che si occupano della vendita di cannabis esclusivamente light e, pertanto, completamente legale. In questo vasto settore, Cbd Express è una garanzia di qualità e professionalità, in quanto – oltre a proporre una serie molto ampia di ottime varietà, tutte coltivate in Italia senza alcun ricorso a fertilizzanti, pesticidi e OGM – provvede ad una spedizione super veloce direttamente a casa del destinatario.

Già questa possibilità è da considerarsi un vantaggio eccezionale per chi vuole ordinare la pianta marijuana sottoforma di infiorescenze ed avere garanzia di un prodotto totalmente sicuro e legale, oltre che di qualità eccellente.

CBD Express – anche a detta degli utenti utilizzatori del sito e fruitori del servizio – è un sito particolarmente affidabile e valido sia per la varietà ampia di prodotti tra i quali scegliere, sia per la rapidità delle spedizioni, consegnate a casa degli utenti in tempi veramente da record. 37 minuti per i luoghi vicini ed un massimo di 24/48 ore per quelli più distanti sono i tempi di attesa per poter assaporare la canapa di CBD Express. La scelta di vendere cannabis light non è di certo casuale ma trae origine dalla volontà di assicurare la soddisfazione di qualsiasi esigenza dei consumatori di cannabis.

“Vendere” su CBD Express significa garantire prodotti legali, controllati e certificati che siano completamente sicuri per la salute e con i quali vengano potenziati solo ed esclusivamente gli effetti benefici.

Ed allora, non attendere di più ed ordina le tue infiorescenze preferite su CBD Express e fai il conto alla rovescia per averle direttamente a casa!

Del resto non c’è nulla di più comodo e vantaggioso di qualcuno che – al posto tuo – selezioni la pianta marijuana puntando sulla qualità, pur non compromettendo la convenienza, proprio così come avresti fatto tu. CBD Express: più che una scelta, è una soluzione!

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email