Pineapple
Cbd express

Cbd express

Alla scoperta di pineapple express una delle varietà di cannabis

La Pineapple Express, da non confondere con la Pineapple Kush, è una delle varietà di cannabis light più famose ed apprezzate dai nostri clienti, grazie ai suoi intensi profumi e pungenti sapori. Questa varietà diventa sempre più celebre in Italia e nel mondo dopo l’uscita del famoso film di Hollywood “Strafumati“, che in inglese ha il titolo proprio di Pineapple Express, anche perchè la sua trama gira tutto intorno alle avventture di questi ragazzi perennemente fattissimi.

Nonostante l’omonimato con questo film, la Pineapple ha comunque saputo raccogliere sulla sua strada diversi riconoscimenti internazionali grazie alle sue qualità, sia nella rendita per pianta, sia nel consumo finale. Possiamo affermare che questo strain sia davvero un piccolo prodigio della genetica, dato che deriva dall’ibridazione di due ceppi altrettanto famosi: la Trainwreck e la Hawaiian. Nel caso di questa variante light, dobbiamo segnalare che questa assomiglia in aspetto e sapore alla sua sorella carica di THC, nonostante il patrimonio genetico sia differente. Infatti questa varietà light è prevalentemente sativa, mentre la corrispettiva psicotropa è un ibrido di sativa e indica derivato dall’incrocio della giamaicana Pineapple e la californiana Og Kush.

Analizzandola più nel dettaglio, si può notare che l’odore di questa pianta ricorda molto la mela fresca e il mango, mentre il suo sapore è decisamente tropicale e fruttato, con note forti di ananas, pino e cedro. Il profumo emanato durante la fumata è consistente, dolce e arrotondato, in linea con il suo sapore. Insomma, si può affermare senza troppi indugi che questa sia una varietà davvero gustosa e indicata per chi è alla ricerca di un prodotto che non stanchi mai di essere consumato.

Per quanto riguarda l’aspetto della pianta, questa presenta tutte le caratteristiche di una sativa: fusto alto, foglie verde chiaro, poco cespugliosa e poco fitta, nonostante però sia stata sviluppata selezionando un fenotipo particolare della Super Bud di Ed Rosenthal, il quale esprime tratti di Indica con sapori tropicali molto intensi. Le cime prodotte sono di medie dimensioni, compatte, belle resinose, e hanno una forma bulbosa che ricorda proprio il frutto esotico da cui prende il nome. Tutte queste caratteristiche permettono a questo strain di essere uno dei più amati di sempre, regalando un effetto energizzante una sensazione di dolcezza al gusto.

Le caratteristiche della Pineapple Express: aspetto ed effetti

La Pineapple Express è una delle nostre varietà migliori, ma soprattutto è una delle erbe con la più alta percentuale di CBD, con valori medio alti fino al 26%. Le sue progenitrici le garantiscono una genetica a predominanza Sativa, nonostante si sia utilizzato un fenotipo di una piantaIndica per garantirne il gusto fruttato che l’ha resa famosa. Grazie a queste caratteristiche, questa varietà è definita energizzante, e quindi capace di combattere stati d’animo negativi come ansia e depressione senza indurre sonnolenza e sensazione di stanchezza generale (effetti più vicini alle varietà Indica).

Più in generale possiamo affermare che la Pineapple si caratterizza per la capacità di rinvigorire sia il corpo che la mente, e quindi può fornire una buona dose di energia per combattere condizioni cliniche molto fastidiose come la Sindrome da Stanchezza Cronica, la depressione, il dolore cronico e la letargia in generale.

Se scendiamo nel dettaglio, possiamo affermare che questa varietà di cannabis light è ottima per lenire il dolore cronico associato ai problemi di sciatica, mal di schiena e crampi muscolari, ma non solo. É anche indicata per curare la nausea e i sintomi ad essa associati, come ad esempio il caso dei pazienti malati di cancro che si sottopongono a trattamenti come chemioterapia e radioterapia, i quali hanno come controindicazione nausea e vomito che spesso impedisce ai pazienti di nutrirsi correttamente. La Pineapple, grazie al suo sapore delizioso, può stimolare nuovamente la sensazione di appetito nei soggetti sopracitati, rende più piacevole l’esperienza del pasto.

Nonostante sia la cannabis Indica quella più indicata per una buona notte di sonno, anche la sativa Pineapple può in qualche modo indurre alla sonnolenza tramite un effetto simulativo ed indiretto. Infatti grazie al sollievo dal dolore e dall’ansia che si prova in seguito al suo consumo, si può tornare a vivere una sensazione di pace profonda che può distenderci e farci dormire meglio durante la notte.

 

Per quanto riguarda gli effetti più celebrali di questo strain, non possiamo non consigliarvi il suo consumo durante attività di tipo creativo. Le peculiarità della sativa garantiscono un valido aiuto per i tuoi momenti artistici, aiutandoti nei momenti di ispirazione profonda per garantirti un maggior esito nel messaggio che vuoi esprimere tramite la tua arte, che sia essa scrittura, pittura, danza o musica. Possiamo dire che questa cannabis light sia un’ottima compagna per un progetto artistico, perchè è capace di rendere più efficaci e produttive le tue idee ed intuizioni, garantendoti maggiore soddisfazione e risultati (grazie anche al suo effetto energizzante).

In sintesi, le varietà Indica sono più indicate per il consumo a fine giornata, dato il loro preminente effetto distensivo e defaticante, mentre le Sativa si può consumare a qualsiasi ora del giorno. Se una varietà Indica vi farà venire una fame da lupi e vi darà l’accesso immediato al mondo dei sogni, la Sativa invece sarà la compagna ideale durante la giornata per rimanere produttivi, concentrati e sempre sul pezzo.

In conclusione a questo paragrafo ricordiamo a tutti i nostri clienti che la nostra cannabis è prodotta in italia, senza uso di pesticidi e OGM, ma soprattutto raccolta a mano dai nostri agricoltori. in seguito ecco le sue caratteristiche principali:

  • CBD <26%
  • THC <0,5%
  • Provenienza: ITALIA
  • Coltivazione indoor
  • Senza semi
  • No fertilizzanti
  • No OGM
  • No pesticidi
  • Raccolta a mano

La storia e la genetica della Pineapple Express

Come già detto precedentemente, la Pineapple Express è un incrocio di due varietà a predominanza sativa: la Trainwreck e la Hawaiian. Per comprendere al meglio gli effetti e le proprietà di questa Pineapple è quindi necessario ripercorrere l’interessante storia delle sue progenitrici, le quali hanno a volte anche antiche radici.

Trainwreck

La Trainwreck è una pianta dominante sativa, a sua volta ibridata con altre varietà, che ha un sapore speziato e pungente, quasi a ricordare quello del pepe. Come le altre sativa, la Trainwreck garantisce un intenso effetto cerebrale con sensazione di euforia e socievolezza. Quello che rende questa varietà diversa rispetto agli altri ibridi è la sua capacità di mostrare anche gli effetti di una Indica (con cui è ovviamente incrociata), facendo avvertire al consumatore la sensazione di caldo relax fisico, quasi paralizzante.

Questo strain è molto probabilmente una creazione di due fratelli californiani che nell’ultimo periodo degli anni 70‘ incrociarono ben 3 diverse varietà: la Thai, la Mexican, e l’Afghani (le prime due sono Sativa e l’ultima una vera Indica). Il risultato fu una ganja che nella sua forma originale era per il 90% Sativa e 10% Indica. La leggenda narra che questa varietà prenda il nome da un fatto accaduto durante la sua crescita. Infatti, nei pressi del sito di coltivazione ci fu un incidente ferroviario (probabilmente un treno deragliò dalle rotaie), e i due fratelli furono costretti a spostare le loro piante per non essere scoperti.

Hawaiian

 

Questa varietà è ancora più “anziana”di quella che abbiamo appena descritto, essendo una vera e propria varietà autoctona che, come si evince dal nome, è originaria delle Hawaii. Fu scoperta negli anni 60‘, quando un gruppo di Hippie si spostarono sull’isola per praticare il loro nuovo sport: il surf. Questi giovani americani organizzavano un sacco di feste in riva al mare (soprattutto nella zona di Nahiku), piene di ganja e sostanze psichedeliche come LSD. Gli abitanti locali, incuriositi dal rumore e insospettati dal forte odore di erba che si estendeva per kilometri nell’entroterra, decisero di fare un sopralluogo. Inizialmente giudicarono severamente queste manifestazioni, e i rapporti tra hippie e indigeni si fecero piuttosto tesi. Con il tempo le cose andarono migliorando, i locali compresero lo spirito libero di questi giovani e iniziarono a condividere con loro le proprie scorte d’erba, che lasciarono a bocca aperta gli ospiti. I due popoli si mischiarono e diedero vita a grandi feste in nome di questa sacra pianta: la marijuana, lasciandosi andare a danze e musica. Fu in questa occasione che gli hippie compresero il potenziale di questa nuova varietà, creando anche la famosa leggenda della cannabis Maui Wowie, ma soprattutto esportandola nel loro paese natale.

La gente del posto, invece, chiamava la ganja con il nome di Pakalōlō, dove Paka stava per tabacco, e lōlō per “folle” o “paralizzante”. Sicuramente era un nome azzeccato per questa cannabis, dato che queste varietà risultavano essere molto potenti ed inebrianti. Purtroppo, dopo più di 140 anni di utilizzo, molte delle varietà autoctone hawaiiane furono estinte a causa delle Operazione di Mietitura Verde, portate avanti dal governo e dalle sezione anti-narcotici dell’isola, in collaborazione con gli USA.

Ad oggi queste varietà sono sopravvissute grazie ad incroci con altre specie e grazie agli hippie, i quali hanno saputo trasportarle in America, dove hanno conosciuto una discreta fortuna, proprio come nel caso della nostra amata Pineapple Express.

 

 

 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email